IntestHome

CHRONICLES OF A NEW LIFE

Cronache di infertilità e adozione

 
 
  • chiara.contufarci@gmail.com

Galline in batteria


Le prime volte che varchi la soglia del Centro Fertilità per i monitoraggi ti senti sola e spaesata.

Sei solo tu, non puoi pretendere che anche il tuo compagno si prenda così tanti permessi al lavoro, almeno due ore a mattine alterne quando sei nel pieno della stimolazione ormonale. Ti dici, dai, in fondo si tratta di un'ecografia, di qualche numero, dati e tanta pazienza.

Eh no! Quell'attesa può trasformarsi nel buio dell'incertezza, dell'ignoranza di quello che ti aspetta, della paura di sentire qualcosa che non ti piacerà affatto uscire dalla bocca del medico di turno.

Infatti non sai nemmeno davanti a chi dovrai aprire le gambe. Solo se hai fortuna potrebbe essere il medico che ti ha prescritto la terapia, altrimenti ne conoscerai altri di cui farai anche fatica a ricordare i nomi.


Ti senti come una gallina in batteria.


Nome, numero di uova.


Altre galline sono sedute intorno a te. C'è chi legge, come me che in quel periodo ho letto più che mai e normalmente sono una divoratrice di libri. C'è chi guarda convulsamente il telefono, chi si porta il computer per lavorare. E c'è chi chiacchiera. Io le prime volte non credo di aver aperto bocca, ma solo ascoltato tra un paragrafo e l'altro del libro aperto sulle ginocchia.

E quante domande ti frullano per la testa!


Come ho già detto, io ho avuto l'appoggio della mia amica che era in pista da prima ed è stata proprio lei allora ad invitarmi in un gruppo Facebook creato da donne che si sono conosciute parte on-line in forum sulla fertilità e parte proprio lì, in quella sala d'attesa.


All'inizio ero molto scettica, chissà che casino che si crea con i toni e il modo di scrivere tipici del web?! Sai che gallinaio?!

E invece mi si è aperto un mondo. Non sono sola, non sono l'unica, non mi sento quella scema che si fa domande sceme! E soprattutto quante risposte alle mie domande.


E sapete la cosa più bella? Su quel gruppo Facebook ho conosciuto virtualmente delle donne fantastiche, delle rocce, degli esempi. Con alcune siamo state in pista in contemporanea e ci siamo incontrate dal vivo al Centro: come cambia quell'attesa quando la condividi!

Anche la condivisone virtuale a me è servita molto.


Alcune non ce la fanno però, questo è doveroso raccontarlo. Quando entri nel gruppo e cominci a leggere le storie di queste donne ti viene una paura nera. I racconti sono tanti e diversi, scopri mille problemi e mille diverse situazioni. Ti rendi veramente conto di quello che stai affrontando e dovrai affrontare, senza mezzi termini, senza nascondere nulla: dolore, sangue, lacrime. Perdite, sogni infranti, ricoveri, casi clinici unici.

C'è anche la gioia incontenibile di chi ce l'ha fatta. Al momento la condividi con loro, ma poi capita di sentirti gelosa da matti, quasi le odi quelle che ce l'hanno fatta, soprattutto quelle che al primo tentativo voilà, restano subito incinte! Forse è una gelosia ancora più folle di quella che provi quando tra le tue conoscenze e in famiglia è tutto un fiorire di pance. E ti senti uno schifo.


E poi dai, mi è scappata pure qualche risata! Come in ogni gallinaio che si rispetti, spiccavano anche tante ragazze sagaci e spiritose capaci di alleggerire le conversazioni. E ovviamente altre con domande talmente assurde e, diciamolo proprio, così stupide da farti ribaltare dal tanto ridere. Per fortuna che puoi mantenere l'anonimato!


Alcune donne conosciute sul quel gruppo oggi mi vanto di enumerarle tra le mie migliori amiche: abbiamo condiviso un percorso all'inizio comune che poi è cambiato strada facendo, ma non ci siamo mai più separate.

Oggi i nostri figli giocano insieme: i loro arrivati a fatica dalle pance, il mio che, nato fuori dal mio corpo, ora ne è carne e sangue.



#chroniclesofanewlife #infertilità #infertility #PMA #FIVET #procreazionemedicoassistita #amicizia


0 visualizzazioni
 
 
 

©2019 by Chronicles Of A New Life. Proudly created with Wix.com