IntestHome

CHRONICLES OF A NEW LIFE

Cronache di infertilità e adozione

 
 
  • chiara.contufarci@gmail.com

In pista


Sei una coppia ufficialmente in pista quando l’esito degli esami genetici è pronto.

Il ritiro del referto non è la classica consegna del foglio con i valori, consiste in un vero e proprio appuntamento con il genetista che ti spiega nel dettaglio questi risultati. Insomma è il primo di una lunga serie di appuntamenti con tachicardia e sudorazione fuori controllo.

Per fortuna nel nostro caso non c’era nulla da segnalare: geneticamente compatibili e senza nessuna patologia di rilievo. Ma perdindirindina quei secondi prima che il genetista iniziasse a parlare sono stati eterni!


Nel frattempo sono pronti anche gli esami del sangue per ricercare tutti quei valori legati alle tue ovaie, alla tua età, alla malattie infettive.


E in tutto ciò il marito che fa?

Anche per lui la strada non è mica semplice eh, che cavolo, la fatica deve essere solo nostra?

Oltre a farsi punzecchiare e risucchiare sangue per i genetici e i virali, la visita dall’andrologo è doverosa. Controllatina ai gioielli e tappa nei bagni per il deposito del seme della vita! Sì nei bagni, quelli pubblici, con magari la porta che si chiude male. Perché solo nei film esistono le salette private con TV e giornalini sporcaccioni (a meno che non decidiate di andare in una clinica privata e per le persone come noi, beh è come fare un piccolo mutuo!) Se c'è qualche ometto in lettura siatene consapevoli, se no ragazze mie preparateli per benino! Perché se la coppia non è davvero solida e ben allineata è proprio adesso che i nodi vengono al pettine, che le certezze vacillano e si rischia di cominciare a incrinare il dialogo. E crollare. Su questo punto mi piacerebbe approfondire perché è davvero fondamentale, che ne dite?


Pronti e via, ora è il momento di ricontattare il Centro Fertilità per consegna e visione dei mille esami da cui poi il medico evincerà il tipo di terapia da adottare.

Ed eccoci di nuovo di fronte alla Doc, questa volta con un faldone dove ho raccolto diligente tutti i fogli degli esami miei e del socio.

Scopriamo così che la gallina non è messa poi così male, avrò ancora uova per un bel po’, la tiroide sta bene e gli ormoni vari pure. Acido folico da subito e via. (Ma molte donne a questo punto devono fare i conti con situazioni ben diverse, c'è chi scopre di avere una riserva ovarica pessima anche se giovane, chi per colpa di quella brutta bestia dell'endometriosi, si ritrova tutto il sistema riproduttivo in tilt e tante altre storie ancora).

I soldatini del galletto invece non sono il massimo, ma in linea con un 39enne dell'era contemporanea. Qualche integratore e via.

E: hai fatto la rosolia? Che RH hai? Sei immune alla famigerata Toxoplasmosi (se lo sei che c***, ti potrai mangiare di tutto se e quando rimarrai incinta!)? E ad HIV come siamo messi?!


La doc poi si prende qualche minuto per rimuginare e infine sentenzia: ciclo lungo di stimolazione signora!

What?

Ah sì certo, scusi, vuol dire che si dovrà bucare la pancia dall’inizio del ciclo precedente la stimolazione ovarica!

Ussignur, aspetti un attimo Doc, ricominci da capo che devo prendere appunti!! Ma no signora, non si preoccupi, le preparo un bello schemino. Tanto avrà tempo di famigliarizzare, prima dobbiamo fissare gli esami pre-operatori e i tamponi vaginali.

Ancora esami?!?! Eh sì, si va ancora per le lunghe.


Gli esami pre-operatori sono infatti la routine ospedaliera quando è previsto un piccolo intervento in sala operatoria con sedazione, anche se minima: una volta che i medici avranno pilotato con la stimolazione ovarica la produzione di ovetti (tecnicamente si chiamano ovociti), questi ovetti dovranno essere prelevati per la successiva fecondazione in vitro. Quindi ci vogliono l'elettrocardiogramma, altri esami del sangue, il colloquio con l'anestesista e i tamponi vaginali servono per capire se il tuo "ingresso" sia bello sano e pulito. Già, passano proprio da lì per entrare nelle ovaie e prendere gli ovociti.


Fissare l'appuntamento è un'altra impresa, mi raccomando calma biblica, perché questi esami li si fanno in compagnia dei futuri degenti di tutto l'ospedale!

Quindi per iniziare la stimolazione si dovrà aspettare ancora il prossimo ciclo mestruale.


Impariamo insieme e ripetiamolo ad alta voce: d’ora in poi il tempo lo conteremo in base al ciclo mestruale, non più scandendo il calendario ufficiale.

Peccato che il resto della vita giri intorno a quello: quando per te sei al primo giorno di ciclo, per il resto del mondo è metà marzo.


Mi scuserete l'approccio molto diretto, c'è un'altra cosa che impareremo a fare insieme d'ora in avanti e di cui non riuscirai più a fare a meno (ed è un'abitudine che ti rimarrà anche dopo): ogni volta che andrai a fare pipì ti guarderai spasmodicamente gli slip!




#chroniclesofanewlife #infertilità #infertility #PMA #procreazionemedicoassistita #FIVET

416 visualizzazioni
 
 
 

©2019 by Chronicles Of A New Life. Proudly created with Wix.com